Milano: un ristorante per ogni fermata della metropolitana

Milano, città della metro – E’ vecchio l’adagio che vuole Milano città della moda.
Se proprio di moda si vuol parlare, è l’ultima lanciata dalla restaurant map. Una mappa, cioè, dei ristoranti della città suddivisi in base alla loro collocazione territoriale, più precisamente la loro vicinanza ad una stazione della metro.
Sono 4, in tutto, le linee della metro che percorrono Milano da est ad ovest e da nord a sud e l’idea di abbinare ogni fermata ad un ristorante ha riscosso notevole successo. La mappa ha velocemente fatto il giro sui social network e non sono mancati commenti, suggerimenti, le critiche di chi avrebbe preferito altri ristoranti ed un invito all’Atm, la società che gestisce il trasporto di Milano, di apporla al posto delle tradizionali insegne attualmente affisse in ogni fermata, che informano sul percorso della metro e sui nomi delle stazioni che la compongono.

Metro rossa

Ristorante Cracco MilanoLa metro rossa è stata la prima ad essere costruita, è lunga 27 chilometri ed unisce la parte nord-est della città a quella ovest. Dividendosi in due diramazioni porta da Sesto Primo Maggio a Rho Fiera oppure a Bisceglie.
Con le sue 38 stazioni è la più lunga delle 4 ed in questo specifico caso, quella che offre, quindi, il maggior numero di ristoranti.
Si parte con il ristorante giapponese Yoji, di cui è perfetta la cottura del riso e ottimo il jappo, di Sesto Primo Maggio, passando per le pizze integrali, vegane e senza glutine de Il Papiro, fermata Precotto e per l’affascinante taverna greca di Mykonos dalle pareti bianche, le colonne in pietra e le finestre azzurre, che d’incanto riportano nell’antica Grecia pur affacciandosi sul Naviglio alla fermata Turro.
Da un ristorante africano (Massawa alla fermata di piazza Venezia) a quello con specialità a base di tartufo (Tartufi&Friends di Palestro), si arriva Da Gino, fermata Pagano, dove la metro si dirama in direzione Rho Fiera, con il capolinea nell’elegante ristorante MastrOrlando, o in direzione Bisceglie, dove si scende da Beato Te, ristorante-pizzeria in un rustico locale.

Metro verde

La metro contraddistinta dal colore verde si divide in due diramazioni, a sud con le partenze da Assago e Abbiategrasso e quelle a nord-est di Cologno nord e Gessate.
E’ lunga poco più di 39 chilometri ed ha altri 35 ristoranti da provare, come La Locanda del Pedro, fermata Cassina de’ Pecchi, per l’ampia scelta di vini e birre che offre, oppure il ristorante Due Spade, a Cernusco, con i grissini artigianali ed una ciminiera di mattoni al centro dell’elegante sala.
Un altro ristorante giapponese, dagli arredi moderni con luci soffuse e mattoni a vista, attende i viaggiatori alla fermata Udine, mentre alla fermata Garibaldi, Berton riceve i commensali con piatti d’autore serviti tra poltroncine di pelle e lampadari di design in un elegante locale contemporaneo.
Si scende tutti alla Maison di Abbiategrasso, ristorante chic che offre anche spettacoli dal vivo, oppure al Royal Garden Hotel di Assago per un vero ristorante di lusso.

Metro gialla

La metropolitana gialla è lunga 17 chilometri, conta 21 fermate e collega San Donato, dove troviamo l’antica osteria La Rampina, a Comasina con la pizzeria La chicca.
Da segnalare alla fermata Duomo, in condivisione con la linea rossa, il ristorante Cracco del celebre chef che ripropone in un ambiente chic ed elegante, i piatti raffinati della cucina milanese con un tocco unico a personalizzarli.

Metro lilla

Anche la metro contraddistinta dal colore lilla è quasi completamente automatizzata come quella gialla. Il controllore comanda soltanto l’apertura e la chiusura delle porte e la partenza del convoglio.
Questa linea della metropolitana non è stata ancora completata interamente, collegherà Bignami allo stadio San Siro per un totale di 19 fermate. Al momento ne mancano 3, da Bignami si arriva solo fino a Lotto, dove si trova il ristorante brasiliano Picanhas, con carni in stile churrasco, frutti di mare e buffet italo-brasiliano, il tutto servito in un ambiente luminoso e contemporaneo.

La sfida

L’idea è originale ed è piaciuta ai milanesi e non. I suggerimenti sono tanti quanti le fermate delle 4 linee della metropolitana del capoluogo lombardo e quindi naturalmente tutte facilmente raggiungibili.
La sfida è lanciata: provarli tutti! E prima che completino la linea blu, con altre 22 fermate che collegheranno Lorenteggio all’aeroporto di Linate, che allungherebbero la già lunga lista e complicherebbero la già titanica impresa.